Conclusasi con successo la mostra fotografica “Gotland. Alle radici del labirinto”.

E’ stato un successo la mostra fotografica “Gotland. Alle radici del labirinto”, conclusasi ad Alatri, domenica scorsa.

Si è conclusa domenica scorsa, 10 febbraio 2013, la mostra “Gotland. Alle radici del labirinto”, allestita da Fabio Consolandi, Luca Pascucci e Giancarlo Pavat presso il Chiostro di San Francesco ad Alatri (FR), in collaborazione con l’Amministrazione Comunale alatrense, l’Associazione fotografica “Focusfoto” e l’associazione giovanile “Ci vediamo in provincia” di Frosinone.

new_IMG_0055

“Ringraziamo tutti coloro che ci hanno dato un mano per realizzare questa iniziativa” hanno spiegato gli autori delle splendide immagini “soprattutto il Comune di Alatri ed in particolar modo il dottor Carlo Fantini, consigliere delegato alla cultura”.
Decisamente soddisfatti tutti gli organizzatori anche per la risposta del pubblico. Infatti oltre mille persone hanno visitato la mostra. Rimanendo colpiti per la bellezza delle immagini ed il fascino dei luoghi immortalati oltre che per l’aura di mistero promanat dagli antichi labirinti dell’isola di Gotland.

Una iniziativa culturale, quindi, di ampio respiro, proposta nel solco delle ricerche sul misterioso affresco con il “Cristo nel labirinto” di Alatri e che “si spera di poter replicare , magari in qualche altra suggestiva location” hanno auspicato gli autori Consolandi, Pascucci e Pavat. “Le ricerche continuano. c’è ancora molto da scoprire a proposito dei labirinti e molte ipotesi sono aperte e cominciano ad arrivare anche i primi riscontri”.

Inoltre, l’interesse a livello nazionale, e non solo, che stanno suscitando queste ricerche, portate avanti da Giancarlo Pavat e dal suo staff, che dal giugno 2011, hanno aperto nuovi scenari in Scandinavia, è dimostrato anche dal lungo articolo intitolato “Gotland. L’isola die labirinti”, a firma di Pavat (e con numerose foto iendite dello stesso Pavat e di Fabio Consolandi) pubblicato sul numero di febbraio della rivista “FENIX. Enigmi della storia e del sacro”.

Condividi il nostro articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *