Successo di pubblico e di critica per la presentazione di “FINO ALL’ULTIMO LABIRINTO” a Palazzo Giorgi – Roffi Isabelli a Ferentino (FR).

FOLLA A PALAZZO GIORGI – ROFFI ISABELLI , SABATO SCORSO 8 FEBBRAIO, PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “FINO ALL’ULTIMO LABIRINTO”.

new_1 Biblioteca di Palazzo Giorgi Roffi Isabelli - Copia

Un successo la presentazione del nuovo libro “FINO ALL’ULTIMO LABIRINTO” di Giancarlo Pavat, Fabio Consolandi, Giancarlo Marovelli, Luca Pascucci e Fabio Ponzo, presentato sabato 8 febbraio 2014 a Ferentino nella prestigiosa cornice di Palazzo Giorgi – Roffi Isabelli.
L’evento si è tenuto nella suggestiva ed accogliente Biblioteca del palazzo cinquecentesco, gremita da un pubblico attento, appassionato e competente. Molti i nomi della cultura ciociara e diversi amministratori locali, tra cui il prof. Ernesto Mastropietro, la dottoressa Annalisa Copiz, la preside Bianca Maria Valeri, l’arch. Antonio Cuomo, il dott. Giacinto Mariotti, la sig.ra Loredana Stirpe, il regista Fernando Popoli,

new_2 Arrivo del pubblico al palazzo

E ancora; il ricercatore Salvatore Costanzo, Fabrizio e Maria Luisa Pennacchia,

new_3 Pio Roffi Isabelli

l ricercatore Marco Di Donato, il giornalista Ivan Ceci con la moglie Morena, il documentarista Antonio Grella, la dottoressa Ilaria Fontana, il sindaco di Acuto Augusto Agostini, il presidente della XVI Comunità Montana prof. Augusto Carè, l’assessore alla cultura di Falvaterra dott. Francesco Piccirilli, l’ex sindaco di Alatri dott. Costantino Magliocca e molti altri.

new_4 Pubblico

new_5 Pubblico

new_6 Paolo Ruggeri

new_7 Giancarlo Pavat

new_14 Paolo Ruggeri

new_8 Giancarlo Pavat e Fabio Consolandi
Ha aperto i lavori il padrone di casa Pio Roffi Isabelli che ha ricordato come proprio in quella biblioteca, oltre sei anni fa, Giancarlo Pavat presentò il suo libro “Valcento”. Primo di una lunga serie di volumi di grande successo, di cui “Fino all’ultimo labirinto” è solo l’ultimo in ordine di tempo.

new_9 Fabio Consolandi

Pio Roffi ha, inoltre, ricordato il grande impegno profuso da Pavat per la valorizzazione di diversi monumenti ed opere d’arte della Ciociaria, in particolare l’ormai celebre affresco con il Cristo nel labirinto di Alatri, che proprio grazie al ricercatore e scrittore triestino di nascita ma ciociaro d’adozione, è stato portato alla ribalta nazionale ed europea.

new_10 prof Ernesto Mastropietro

Poi ha preso la parola il dott. Paolo Ruggeri, figlio del compianto sindaco di Ferentino Mario, che ha sottolineato l’importanza di ricerche e libro come “Fino all’ultimo Labirinto”, di quasi 400 pagine di cui 57 solo di foto a colori, moltissime inedite, per la divulgazione e tutela dell’immenso patrimonio storico e culturale del territorio.

new_11 Pubblico in Biblioteca

Ruggeri con la sua associazione “Ci vediamo in provincia” e con numerose iniziative culturali si sta da tempo battendo per sensibilizzare l’opinione pubblica alla necessità di tutelare le emergenze cuturali, storiche e artistiche della Ciociaria.
Non per nulla ha pure anticipato la nascita del “Registro Georeferenziato dei Beni di Interesse Culturale e Turistico”, visibile sul nuovo sito www.megalithic.it:

new_12 Giancarlo Pavat e Fabio Consolandi presentano il libro

Ruggeri, da entusiasta lettore del volume. “Grazie al quale stiamo davvero riscoprendo la nostra terra, la sua storia meno nota, i suoi angoli e le sue bellezze più sconosciute” ha chiesto agli amministratori presenti di farsi parte attiva in questi questa voglia di riscatto della terra ciociara “che non ha nulla di che invidiare a nessuno”.

new_13 Giancarlo Pavat e Fabio Consolandi presentano il libro

Hanno poi preso la parola due degli autori del libro. Il giovane ricercatore e fotografo Fabio Consolandi di Aprilia e, appunto Giancarlo Pavat.

new_15 Pio Roffi Isabelli- G Pavat - F Consolandi e Paolo Ruggeri

Consolandi ha illustrato alcune delle tematiche afferenti i labirinti che sono state affrontate nel volume, spiegando che si pone come una vera e propria novità nel panorama italiano della ricerca sull’antichissimo simbolo del labirinto.

new_16 Pubblico al Palazzo

Quando ha preso la parola Giancarlo Pavat, molti dei presenti sono tornati con il pensiero e la memoria indietro nel tempo, proprio a quel 17 novembre 2007 citato da Pio Roffi, quando in quella biblioteca fu presentato il libro “Valcento. Gli ordini monastico-cavallereschi nel Lazio meridionale”. Libro che oggi è una vera rarità e un must per gli appassionati della tematica.
Non per nulla, alcuni delgi intervenuti di sabato 8 febbraio, stringeva tra le mani, quasi fosse una preziosa reliquia, proprio una copia di quel volume.

new_17 G Pavat e Sonia Palombo

Giancarlo Pavat ha ripercorso gli ultimi sei anni di ricerche, cominciate dagli studi e scoperte sul labirinto di Alatri (va ricordato che fu proprio Pavat a scoprire che il percorso del labirinto alatrense è identico a quello di Chartres) fino ai numerosi viaggi da lui stesso organizzati e guidati nell’Europa settentrionale, in Scandinavia, nel Mare del Nord e sul Baltico, sulle tracce dei più antichi labirinti mai realizzati. Spedizioni e ricerche che hanno raccolto consenso e l’ammirazione di ricercatori inglesi, archeologi scandinavi e trovando ampia eco anche sulla stampa svedese.

new_18 Pubblico al Palazzo

Inoltre ha ricordato, basandosi su esperienze personali, come tutto il Mondo invidia l’immenso patrimonio storico, artistico, archeologico e culturale italiano e che soltanto riscoprendo le proprie radici e valorizzando ciò che ci ha lasciato chi ci ha preceduto si potrà uscire da questa lunghisisma crisi sociale, morale, politica.

new_20 Laura Roffi Isabelli - Sonia Palombo e Maria Luisa Pennacchia

Alla fine c’è stato spazio per le domande del pubblico che ha dimostrato entusiasmo e competenza e ha tributato plauso agli autori presenti.
Al termine tutti a visitare Palazzo Giorgi – Roffi Isabelli e poi riuniti per un brindisi al libro “Fino all’ultimo Labirinto”.

new_19 Pubblico al Palazzo

new_21 Annalisa Copiz e Marco Di Donato

Condividi il nostro articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *