L’enigma della diffusione dei Labirinti costieri in Scandinavia; di John Kraft.

Con grande piacere, soddisfazione e una punta di orgoglio, presentiamo in esclusiva per l’Italia, un articolo (ci auguriamo che sia il primo di una lunga serie) del giornalista, scrittore, archeologo e studioso di labirinti John Kraft. Il ricercatore scandinavo illustrerà le sue ipotesi sulla diffusione nelle regioni più settentrionali d’Europa dei labirinti di pietre riconducibili alla cosiddetta tipologia “classica”, noti anche come “Labirinti baltici”.

Ringraziamo il dottor Kraft per aver scelto il nostro sito e lo invitiamo sin d’ora al nostro PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO del 2019

E, ovviamente,  ringraziamo anche Jeff Saward che ha pubblicato per primo questo articolo in inglese sulla sua rivista “Caerdroia” n. 48/2019.

(Immagine di apertura: un Labirinto di pietre , Jatulintarha in finnico, presso Nauvo-Nagu in Finlandia – foto G Pavat 2014. Immagine sopra: Walking in the labyrinth. I componenti della “Italian Baltic Expedition” del 2012 nel Trojaborg della Frojelkyrka sull’isola di Gotland nel mar baltico – foto Giancarlo Pavat  agosto 2012)

 

L’ENIGMA DELLA DIFFUSIONE DEI LABIRINTI COSTIERI IN SCANDINAVIA

E NEL MAR BALTICO

di John Kraft

 

In Caerdroia 47 ho presentato una teoria su dove trovare la culla dei labirinti costieri in Scandinavia. Il primo di questi probabilmente non è più antico del Medioevo, forse del 13 ° secolo, ma sicuramente non prima del 12 ° secolo. Questi labirinti costieri probabilmente si sono sviluppati da labirinti interni molto più antichi e il primo passo dalla terraferma agli arcipelaghi probabilmente ha avuto luogo lungo la costa occidentale svedese dove ci sono tre gruppi, ciascuno costituito da una decina di labirinti costieri situati vicino a un labirinto interno apparentemente più vecchio che è associato a campi tomba preistorici, indicando un’origine più antica.

 

Ma come si sono diffusi i labirinti costieri nella Russia baltica e nord-occidentale? E quando è successo? L’ultima domanda è la più semplice a cui rispondere. La datazione lichenometrica di 46 labirinti lungo la costa baltica settentrionale della Svezia mostra che i due primi labirinti finora registrati risalgono a ca. 1250-1350 CE.

(Immagini sopra e sotto: il Labirinto di pietre di Holmudden sull’isoletta baltica di Faro, a nord di Gotland – foto G Pavat 2012)

DescrizionFårö di 

DescrizFårö

Un labirinto su Högberget è stato  datato al 1299, più o meno 35-40 anni, e un altro labirinto a Lörudden vicino a Sundsvall fu datato a 1299 ± 50 anni [Sjöberg 1996, p.16].

 

Alla domanda su come i labirinti costieri si diffondono dalla costa occidentale della Svezia al Baltico e poi fino alla costa del Mare di Barents è più difficile rispondere, ma vedo alcuni indizi interessanti nei nomi dei labirinti.

I nomi di Trojeborg noti sono comuni tra i labirinti interni nella Svezia meridionale e centrale, nel sud-est della Norvegia e in Danimarca. Sembrano avere un’età impressionante ed è ovvio che la parola più comune e affermata per labirinto in Scandinavia era Trojeborg, almeno dalla fine del medioevo all’ultima parte del XIX secolo.

 

Ma i labirinti costieri sono diversi. Ce ne sono centinaia nel Baltico e oltre 30 lungo la costa occidentale della Svezia, ma è difficile trovarne uno con il nome di Trojeborg. I labirinti costieri hanno una varietà di nomi, alcuni sembrano vicini al Trojeborg, ma i nomi dei veri Trojeborg sono rari. Nel 1877 J. Aspelin menzionò che i labirinti sulle Isole Åland, l’arcipelago che si estendeva dalla Finlandia meridionale alla Svezia, erano chiamati slot Trojenborg (castello), slot Trinneborg, Rundborg (fortezza circolare) e semplicemente Borgen (fortezza o castello).

 

Non sono stato in grado di confermare nessuno di questi nomi in Åland, ma credo che Aspelin sia una fonte affidabile. Inoltre, ho trovato due esempi di labirinti sulla costa di Småland, nel Baltico meridionale, che sono stati citati come Trojeborg, ma non è così chiaro che questi nomi si riferiscano a una tradizione locale. Potrebbero essere stati chiamati Trojeborg per la semplice ragione che era la parola comune per labirinti in Svezia.

 

Molti labirinti costieri nell’area baltica hanno nomi derivati da città famose come Viborg, Gerusalemme, Lisbona, Parigi, Gerico, Ninive, Türgi Linn (Costantinopoli) e Trondhjem.

L’unico nome conosciuto dalla Russia settentrionale è di un tipo simile: Vavilon (Babilonia).

Il nome labirinto più comune in Finlandia è jungfrudans (danza della fanciulla). Nessuno di questi nomi sembra molto antico, alcuni sono chiaramente presi in prestito dalla Bibbia, altri, come Lissabon e Parigi, sono probabilmente un po ‘ più giovani dei primi labirinti conosciuti della regione, ma la probabile età di tutti questi nomi sembra corrispondere alla gamma della datazione al lichene di questi labirinti costieri in modo convincente.

 

Esistono anche diversi nomi, che assomigliano ai nomi dei trojeborg, ma in realtà hanno significati diversi. Questi sono nomi come Trelleborg, Trinneborg e Trilleborg (fortezza rotonda), Tryggeborg (fortezza sicura), Tredenborg, Trajenborg e Tröenborg (fortezza ambulante). In molti di questi nomi la parola borg (castello o fortezza) è sostituita da berg (montagna o collina) [Kraft 1986, p.33].

 

Sembra che alcuni dei vecchi nomi di Trojeborg siano stati leggermente modificati, al fine di renderli più significativi per gli utenti. Questi nuovi nomi sono esempi ovvi di reinterpretazione di oscuri nomi di luoghi attraverso l’associazione con parole dal suono simile. Lo sfondo di queste etimologie popolari è probabilmente che le persone che hanno dato il nome o costruito i labirinti non avevano più alcuna conoscenza della leggendaria città di Troia e per questo motivo hanno dato ai labirinti nomi più comprensibili. Numerosi labirinti interni nella Svezia occidentale hanno le stesse reinterpretazioni dei nomi dei Trojeborg, i più comuni e noti sono i nomi dei trälleborg. Sono particolarmente comuni in Danimarca e Svezia meridionale e penso che potrebbero avere più di 1000 anni.

 

I nomi registrati per i labirinti costieri sulla costa occidentale svedese sono tutti di questo tipo. Non ci sono altri tipi di nomi nell’ovest, ma nel Baltico non sono molto comuni e la maggior parte si trova nel Baltico settentrionale. Sono solo brevemente menzionati in un’altra area del Baltico, nell’arcipelago delle Åland, dove Aspelin riportava labirinti di nome Trinityborg Slott e Rundborg (entrambi con lo stesso significato: castello rotondo o fortezza circolare) Nient’altro di questo tipo si trova nella regione baltica.

 

La mia interpretazione di tutto ciò è che i primi labirinti costieri, sulla costa occidentale svedese, probabilmente non hanno mai avuto nomi di Trojeborg autentici. Fin dall’inizio, nel XII o XIII secolo, vennero dati nomi che erano reinterpretazioni del Trojeborg molto più antico. Ciò significa che le reinterpretazioni probabilmente hanno avuto origine tra i labirinti dell’entroterra della Svezia occidentale o della Danimarca. Forse le prime reinterpretazioni furono i nomi di Trelleborg.

 

Dalla costa occidentale della Svezia i labirinti costieri con nomi che erano reinterpretazioni di veri nomi Trojeborg si diffondono nel Baltico. Una possibilità è che siano state stabilite per la prima volta nell’arcipelago delle Åland, dove Aspelin ha trovato nomi come lo slott di Trojeborg, lo slott di Trineborg, Rundborg e Borgen nel 1877. Ma le “impronte digitali” più numerose e convincenti dell’influenza occidentale si trovano nell’estremo nord.

 

Sull’isola di Jävre Sandön vicino a Piteå, c’è un labirinto chiamato Trinteborg (fortezza rotonda) e su Orrskär, anch’esso vicino a Piteå, c’è un altro, chiamato anche Trinteborg, ma noto anche come Viborg e Viborgska stan (la città di Viborg).

Sull’isola di Malören, lontano dal mare, ci sono due labirinti chiamati Trinderborjs stad e Trilleborjs stad (entrambi con il significato intorno alla città fortezza) e su Likskär, nella parrocchia di Töre, i labirinti erano chiamati Trillerborgsstäder (città fortificate rotonde). L’archeologo Gustaf Hallström registrò anche nel 1923 che i labirinti di Likskäret, Renskäret e Getskäret erano chiamati Trelleborgs stad (città intorno alla fortezza).

 

 (A sinistra: due labirinti di Malören sono chiamati Trinderborjs stad e Trilleborjs stad (schizzi di un’indagine del 1947)

 (A destra in basso: un labirinto su Orrskär, a nord di Piteå, si chiama Trinteborg, ma anche Viborg e Viborgska stan (disegno di Jean Berglund 1908).

 

Nella stessa area ci sono alcuni esempi di nomi tipicamente baltici come Viborg o Viborgska stan (Viborg, la fortezza di confine svedese nella Finlandia orientale fu fondata nel 1293). Più a sud ci sono diversi nomi che sottolineano la forma rotonda del labirinto: Rundvall, Rundgård, Rundborgsstad, Rundborgastad, Rundborgadestad, Ringborgastad, Ringborgaddesta’n e Ringborgastad’n.

In realtà, sono tutte traduzioni locali di nomi svedesi come Trelleborg, Trilleborg, Trinteborg e Trinderborg [Kraft 1986, p.38]. La spiegazione è probabilmente che dopo un po’ di tempo nel loro nuovo ambiente sulle isole del Baltico settentrionale, i tempi erano maturi per una reinterpretazione dei nomi reinterpretati. I labirinti costieri nel Baltico potevano finalmente tagliare tutti i collegamenti con la leggendaria città di Troia e non era più necessario trovare nomi che suonassero simili.

 

Questi nomi di labirinti indicano un collegamento diretto dalla costa occidentale svedese alle isole dell’estremo nord del Baltico. Devo ammettere che mi ci è voluto del tempo per digerire questa interpretazione inaspettata. Le influenze culturali nel nord Europa di solito si diffondono da sud a nord, ma i nomi del labirinto indicano che i labirinti costieri nel Baltico sono arrivati prima nell’estremo nord e poi si sono diffusi nel sud del Baltico.

 

È davvero plausibile? Vedo due indicazioni che parlano a favore di una simile interpretazione. Innanzitutto, la costa baltica nell’estremo nord ha più labirinti di qualsiasi altra parte del Baltico, in effetti è più ricca di labirinti storici di qualsiasi altro posto al mondo! Ci sono circa 100 labirinti sulle isole remote nella contea settentrionale di Norrbotten. Questa notevole concentrazione è comprensibile se questa fosse la culla di tutti i labirinti nel Baltico. Altrimenti, questo numero elevato è difficile da spiegare.

 

In secondo luogo, una tale teoria si adatta perfettamente alla proposta di Vyacheslav Mizin secondo cui i labirinti costieri si diffondono dal Baltico alla Russia settentrionale attraverso le comunicazioni fluviali che collegano il Golfo di Bothnia con il Mar Bianco [Mizin 2014].

(Labirinti di pietra nel nord. La freccia mostra la migrazione suggerita di uno o più costruttori di labirinti dal nord Bohuslän al nord del Baltico negli anni 1320 o 1330)

 

Tuttavia sembra inverosimile credere che i labirinti costieri potrebbero fare un salto così grande dalla costa occidentale della Svezia all’estremo nord del Baltico.

Le province di Bohuslän e Halland, dove si trovano la maggior parte dei labirinti a ovest, appartenevano alla Norvegia e alla Danimarca fino ai tempi dei trattati di pace del 1645 e del 1658 quando furono cedute alla Svezia. Nel corso dei secoli la Danimarca e la Svezia furono rivali e spesso furono nemici, combattendo regolarmente in guerre disastrose. Come mai alcuni agricoltori e pescatori del norvegese Bohuslän potrebbero essere migrati nell’estremo nord della Svezia intorno al 1250-1350?

 

In realtà, non è affatto inverosimile. Norvegia e Danimarca (e Svezia!) Furono unite verso la fine del 14 ° secolo. Ma anche prima, la Norvegia e la Svezia erano strettamente legate per un po’ quando entrambi i paesi erano governati da reggenze. Magnus Eriksson fu eletto re di Svezia nel 1319; sebbene avesse solo tre anni, ereditò la corona norvegese nello stesso anno. Il figlio di Magnus, Håkan, fu poi eletto re in Norvegia nel 1343, ma dato che all’epoca aveva solo tre anni, suo padre Magnus rimase il suo tutore per altri dodici anni. Di conseguenza, Svezia e Norvegia furono strettamente alleate durante il periodo tra il 1319 e il 1355, e le loro buone relazioni durarono molto più a lungo.

 

Nello stesso periodo, la Svezia era stata in guerra con Novgorod, fino alla conclusione della Pace di Nöteborg nel 1323. Il nuovo confine, vagamente delineato in un trattato di pace senza mappe, fu presto contestato. Novgorod rivendicò una vasta area lungo le coste del Baltico settentrionale, a nord del fiume Pyhäjoki nella Finlandia settentrionale e gli svedesi non riconobbero la presenza russa lungo le coste del Golfo di Bothnia.

 

A quel tempo gli insediamenti permanenti della Svezia non si estendevano a nord del promontorio di Bjuröklubb. Più a nord c’era una vasta area aperta alla competizione per la pesca, la caccia e la raccolta da parte di Saami, svedesi e finlandesi e probabilmente russi sotto la sovranità di Novgorod. Gli svedesi agirono rapidamente dopo il trattato di pace del 1323. Nel 1328 fu formalmente promesso che a chiunque sarebbe stato permesso di stabilirsi nel nord, e sotto la guida dell’arcivescovo Olof Björnsson fu avviato un ambizioso progetto di colonizzazione. I coloni furono presto reclutati e promise la libertà dalle tasse. Furono costruite chiese e create nuove parrocchie e la libertà fiscale durò fino al 1340

 

Credo che durante questi anni di colonizzazione svedese delle terre settentrionali sia possibile che alcuni coloni siano stati reclutati da lontano come la costa di Bohuslän poiché a quel tempo non vi era rivalità tra Norvegia e Svezia. Alcuni pescatori occidentali potrebbero aver introdotto l’abitudine di costruire e usare labirinti a nord tra il 1323 e il 1340. Difficilmente può essere successo prima del trattato di pace del 1323 ed è difficile credere che sia accaduto dopo la scadenza della libertà dalle tasse nel 1340. Inoltre, con l’arrivo della pandemia di Morte Nera nella regione nel 1350, è probabile che tutta la colonizzazione nel nord abbia avuto una fine improvvisa.

 

Non riesco a immaginare un’altra “finestra di opportunità” più probabile per l’introduzione di labirinti costieri dall’ovest al Baltico. Questa deve essere stata l’occasione più favorevole per una tale influenza di diffondersi da ovest a est. Dopo questa introduzione, immagino che l’idea si sia diffusa rapidamente più a sud nel Baltico. La datazione al lichene del labirinto di Lörudden vicino a Sundsvall (1299 ± 50 anni) dà un’idea di quanto velocemente le nuove idee si spostarono a sud.

 

(John Kraft, Copenhagen, Denmark; January 2019)

Email: johnkraft44@gmail.com

 

 

Bibliografia essenziale

Kraft, John. “Labyrintnamn – från Troja till Trelleborg” Sydsvenska ortnamnssällskapets årsskrift 1986, p.8-72.

Kraft, John. “The Cradle of Coastal Labyrinths” Caerdroia 47 (2018), p.35-37.

Mizin, Vyacheslav. “Dating the Stone Labyrinths of Arctic Russia” Caerdroia 43 (2014), p.24-33.

Sjöberg, Rabbe. “Lichenometric Dating of Boulder Labyrinths on the Upper Norrland Coast, Sweden” Caerdroia 27 (1996), p.10-17.

Più di 120 labirinti sono noti lungo la costa settentrionale del Baltico dal promontorio di Bjuröklubb nel sud fino a Haparanda nel nord-est. Alcuni hanno nomi che sono strettamente correlati ai nomi del labirinto nel nord Bohuslän sulla costa occidentale svedese. I labirinti registrati sono contrassegnati da punti. Quelli con i nomi citati nell’articolo sono contrassegnati da anelli. Rundborg è probabilmente sinonimo di Trinteborg, Trindeborg, Trilleborg e Trelleborg. Mappa basata su Westerdahl 2016

 

CHI È JOHN KRAFT

John Kraft, nome poco familiare al pubblico italiano è, invece, notissimo in tutta Europa tra agli appassionati di labirinti.

Nato nel 1944, ha trascorso gran parte della sua vita in Svezia, ma ora vive a Copenaghen in Danimarca. Con un background universitario di storia, archeologia, scienze politiche ed economia, ha lavorato per quasi 40 anni giornalista. Si è ritirato dalla professione da circa dieci anni. Come spiega lui stesso, nel 1974 i labirinti attirarono per la prima volta la sua attenzione, diventando “immediatamente un hobby avvincente, quasi un’ossessione”. Da allora ha pubblicato circa 70 articoli e un paio di libri sui labirinti, basati principalmente sugli esemplari nordico. Ma come archeologo ha pure pubblicato altri lavori sull’archeologia nordica: quattro libri e una serie di articoli, riguardanti principalmente l’organizzazione politica e giudiziaria della Scandinavia durante l’Età del Ferro.

Al momento sta lavorando a un libro riccamente illustrato sui labirinti in cui la maggior parte del materiale nordico verrà presentata e confrontata con i labirinti nel resto dell’Europa e in India. Conterrà una presentazione completa dei nomi e del folklore sui labirinti del Nord Europa.

Il prossimo 19 ottobre, John Kraft sarà con noi a FIUGGI  alla 6^ EDIZIONE del PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO.

– Se non altrimenti specificato, le immagini sono di John Kraft.

Condividi il nostro articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *