Un nuovo caso di esadattilia nell’arte sacra a Pinzolo in val Rendena? di Franco Manfredi

  •  

 

chiesa di San Vigilio con la celebre “Danza macabra” – foto F. Manfredi

 

Nella campagna di Soràno, leggermente discosta dagli abitati di Pinzolo e di Baldino, in prossimità di Carisòlo, circondata dal cimitero sorge l’antica chiesa di San Vigilio, risalente al X secolo, famosa per la Danza macabra dipinta da Simone Baschènis”.

 

UN NUOVO CASO DI ESADATTILIA NELL’ARTE SACRA A PINZOLO IN VAL RENDENA IN TRENTINO?

di Franco Manfredi

Questa volta a Pinzolo nella Chiesa di San Vigilio, famosa in tutto il mondo per la Danza macabra.

Nella campagna di Soràno, leggermente discosta dagli abitati di Pinzolo e di Baldino, in prossimità di Carisòlo, circondata dal cimitero sorge l’antica chiesa di San Vigilio, risalente al X secolo, famosa per la Danza macabra dipinta da Simone Baschènis”.

Così inizia la narrazione di Giuseppe Ciaghi nel pregevole volume “L’antica chiesa racconta”, distribuito dall’Amministrazione Comunale di Pinzolo a tutte le famiglie. Ed è proprio con il prof. Giuseppe Ciaghi e con il Dottor Ulisse Bocchi, noto esperto d’arte e collezionista antiquario, abituale ospite di Madonna di Campiglio, che una mattina mi trovavo all’interno della chiesa ad ammirare per l’ennesima volta i tanti affreschi che ornano le pareti, veri documenti a testimonianza della fede dei nostri avi. Stavo osservando l’ultimo affresco, a destra sulla parete sud, opera di Angelo Baschenis (1450 – 1490), che raffigura il Cristo Risorto in atto di ascendere al cielo, attorniato da angioletti che lo guardano con stupore e ammirazione.

L’affresco con Cristo in atto di ascendere al Cielo tra angeli musicanti. Il cerchietto blu indica il piede destro che sembra avere ben sei dita! – foto F. Manfredi

 

 

Particolare del piede destro di Cristo con il caso di Esadattilia – foto F Manfredi

 

 

Anche in questa occasione non posso passare oltre senza contare quante sono le dita. Le impronte lasciate sulla pietra presentano cinque dita per ciascun piede, tutto normale. La sorpresa, ancora una volta, è nel piede destro dell’effigie di Cristo. Le dita sono sei !  Controlliamo assieme l’immagine sul libro del prof. Ciaghi e la conferma è inequivocabile. La quaterna, in val Rendena, è fatta.

Se consideriamo anche gli altri casi nella campagna tra Casalmaggiore e Sabbioneta c’è anche la cinquina, ma sono su un’altra cartella. Per fare tombola mancano ancora tanti numeri.

Le parole di Andrea Carandini, Presidente del FAI, riprese da Giacomo Bonazza su Il Giornale delle Giudicarie, mi avevano convinto a continuare la ricerca: “I beni [artistici] sono cadaveri, che devono essere resuscitati per farli entrare in un rapporto vivo con noi. Bisogna risvegliarli dal loro sonno, come fece Gesù con Lazzaro… Tesori artistici…da risvegliare all’attenzione dei giudicaresi…       

E così si mette in moto la ruota del valore culturale, il quale si riverbera, in seconda istanza, come economico. L’arte va risvegliata come la Bella addormentata. Quante belle addormentate, siano esse pale d’altare, sculture, architetture, sono lì ad aspettare il fatidico bacio, pronte a essere finalmente raccontate?” E, vorrei aggiungere, quanti casi di esadattilia nell’arte sacra sono lì ad aspettare il fatidico bacio, pronti a essere finalmente raccontati?

(Franco Manfredi – Socio Pro Loco Carisolo)

Autore del libro “Lo strano caso delle sei dita”.

Un altro caso di Esadattilia Cristica; il Cristo del Santuario del Crocifisso a Bassiano – LT – foto G Pavat 2018

 

Condividi il nostro articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *