Un successo l’evento “Ceprano Arcana e Fregellae”, targato Itinarrando e IlPuntosulMistero, in collaborazione con i comuni di Arce e Ceprano

Frammento di mosaico fregellano raffigurante una cinta urbica turrita

Circa un centinaio di partecipanti si sono dati ritrovo alle ore 09.00 di domenica 19 giugno, presso il Parco archeologico di Fregellae per partecipare allo straordinario evento patrocinato dai comuni di Arce e Ceprano e organizzato dall’associazione “Itinarrando” in collaborazione con il nostro sito: “Ceprano Arcana e Fregellae”.
A riprova della valenza culturale e turistica dell’evento, sono convenute a Ceprano molte persone provenienti da diverse località del Nord Italia; come Milano, Lecco, Bolzano, Venezia e Trieste.
A fare gli onori di casa i due assessori alla cultura dei comuni coinvolti:
Alessandro Proia per Arce e Anna Letizia Celani per Ceprano.
Poi, tutti pronti per una passeggiata tra archeologia, storia e scoperta del territorio.

 

Il folto gruppo di partecipanti all’evento davanti all’ingresso del
Parco archeologico di Fregellae

Il saluto ai partecipanti da parte degli assessori alla cultura
Alessandro Proia di Arce e Anna Letizia Celani di Ceprano

Si è iniziato, appunto, con il sito della città di diritto latino di Fregellae, dove il direttore del Parco, l’archeologo Marco Germani, ha guidato i partecipanti alla scoperta della storia dell’antica città. Illustrando diverse domus e le terme cittadine.

La folla dei partecipanti all’evento, alla scoperta dell’antica città di Fregellae

Terminata la visita, i partecipanti si sono incamminati nelle ombrose campagne tra Arce e Ceprano lungo il percorso della Via Francigena, che presso il Ponte di Ceprano, è diventato vero e proprio trekking urbano.
Attraversato il dantesco “verde Liri”, la dottoressa Teresa Ceccacci, direttrice del Museo Archeologo “Amedeo Maiuri” di Ceprano, ha illustrato la misteriosa vicenda della sepoltura di re Manfredi, fIglio di Federico II e del ritrovamento del suo sarcofago nel XVII secolo proprio presso il Ponte cepranese.
Storia di cui la dottoressa Ceccacci è certamente tra i massimi esperti, anche per averla narrata nel suo libro di successo “La Reggia del silenzio”.

In cammino… lungo la Francigena da Fregellae al Ponte di Ceprano

Dal Ponte di Ceprano ci si è infilati in corso Vittorio Emanuele per visitare la chiesa sconsacrata dell’Annunziata.
Ove il nostro noto scrittore, ricercatore storico e studioso di simbologie Giancarlo Pavat, ha illustrato da par suo alcuni simboli presenti nella chiesa.
E, una volta usciti, ha spiegato pure le misteriose decorazioni di alcuni portali di pietra del centro storico cepranese.

Cristian Colasanti mostra l’immagine della Pala d’altare con San Carlo Borromeo, un tempo presente nella chiesa dell’Annunziata

Giancarlo Pavat illustra alla folla di partecipanti, i significati simbolici esoterici del mascherone apotropaico scolpito sulla chiave di volta di un portale del centro storico di Ceprano

Dopo una breve sosta in piazza per ristorarsi con caffè, bibite e dolcetti offerti dalla Pro Loco di Ceprano, il gruppo partecipante al trekking urbano, partito dal Parco archeologico della colonia romana, è arrivato trionfalmente presso la sede del Museo Archeologico di Fregellae (MAF).

L’arrivo dei partecipanti davanti al MAF.
In primo piano si riconoscono da sx; Giancarlo Pavat, il professor Roberto Volterri, il dottor Bruno Ferrante e il dottor Marco Mele

E qui, il direttore Teresa Ceccacci, ha accompagnato il centinaio di persone alla scoperta dei bellissimi e interessanti reperti esposti al Museo.

Al termine della applauditissima visita, il folto gruppo è sciamato per Ceprano per recarsi presso i vari ristoranti e trattorie che avevano aderirono all’evento proponendo menù turistici.

Il direttore del MAF, dottoressa Teresa Ceccacci mostra il celebre cranio dell’Uomo di Ceprano, noto cone “Argil”
Ammaliati dai tesori archeologici custoditi al MAF e illustrati dal direttore Teresa Ceccacci
Alcuni reperti della città di Fregellae esposti al MAF

La dottoressa Ceccacci, che tra l’altro, è stata la principale organizzatrice e coordinatrice dell’evento, ha espresso tutta la propria soddisfazione per la perfetta riuscita della giornata.
“Evento assolutamente riuscito” si legge, ad esempio, nell’intervista rilasciata al sito di «Ciociaria editoriale Oggi».
“C’è stata grande partecipazione e di questo non possiamo che essere felici.
Un successo che testimonia come una buona collaborazione tra gli enti porti a un grande risultato
.

Noi de IlPuntosulMistero non possiamo che dirci concordi con quanto affermato dal direttore Ceccacci e dare appuntamento ai prossimi eventi.

Fotografia: Gianluca Riggi

Videografia: Cristian e Francesco Colasanti

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.