In esclusiva per il nostro sito un articolo in inglese “LIVING STONES” della ricercatrice olandese Agnes van de Beek.

15-agnes-van-de-beek

La scorsa primavera le ricercatrici olandesi Selma Sevenhuijsen ed Agnes van de Beek hanno compiuto un viaggio in Italia raggiungendo diverse località ed i enigmatici siti, tra cui Alatri e Ceccano.

Questo che presentiamo in esclusiva per l’Italia, è il report (in inglese) di questo “pellegrinaggio” scritto da  Agnes van de Beek.

Tra l’altro ricordiamo che le professoresse Selma Sevenhuijsen ed Agnes van de Beek verranno premiate al PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO 2016, a Ceccano(FR), sabato 10 dicembre prossimo.

1

LIVING STONES

A pilgrimage along the Michaels line from Rome to the south-eastern point of Italy.

by Agnes van de Beek (NL)

www.moederaarde

Not far from Alatri, south east of Rome, where we, Selma my travelling-companion and I, were staying, you find this little Templars church in Ceccano. Another name for this church is the church of “the little lady in the forest”. Once, in the 13th century, it stood in the middle of a forest, outside the medieval walls.

Now it is called the church of S.Nicolas, with a statue of a real St.Nicolas, like we know it in Holland, inside the church.

We had an appointment with a friend and collegue/writer of Selma, mr. Giancarlo Pavat in Alatri. He has a lot of old knowledge and is also a specialized labyrinth researcher. The arrangement was that he would take us to a very special fresco, a wall labyrinth with a fresco of Christ in the heart of the labyrinth, in the Chiesa San Francisco. We were invited to work with the energies there.

However, I will write about the next day in search of “the forest church”. We were taken, also two Italian friends joined us, into the forest outside Ceccano. I was expecting to find this little church in the woods, that was spoken of.

We stopped the car, and we were in awe at what we saw. It was not a church, it was a small stone circle with huge stones, similar to those you find in Avebury and Stonehenge.

This was a natural temple from perhaps millions of years ago. Probably from the Palaeolothic times.

We left the cars and approached the circle. In front was, what I call a key stone. Normally I would not feel the energy straight away, but now I did. It felt good and I even had the feeling I could see the energy at that spot. It was like seeing 3 dimensional in a silvery light with moving particles.

It felt like entering other dimensions.

I knew there were crossings of powerlines. Selma and I measured both female and male energies and also still points, a zero-energy.

We continued a small overgrown path through the woods. At a certain moment we confronted a big wall of huge stones linked together. I felt some resistance and we decided to use our small sun and moon discs and my symbol of the flower of life and made a small altar, after having asked permission. Although I am not a singer, I knew I had to bring in sound. So I sang a mantra from Tibet, which I have been taught a long time ago and which I have been using over the years during my travels. I could feel something shifting and even one of our two male friends got the chills. We continued our rough path. Sometimes we, Selma and I, needed a male hand to overcome some height on those big stepping stones. The stones became more overgrown. They had not completely shown their face and energy yet. Roberto, who lives in Ceccano and was with us, worked on clearing the stones literatelly from all the mosses and earth and he said he came here also to clear his mind and to feel connected with his own stillness.

Then another stone showed itself from a little distance, he had a face like a devil. I felt resistance again, but after acknowledging him and bringing in light, the energy changed. More and more faces came forward. They are living energies, waiting to share their stories and knowledge with us. They talk to us, but only when we “see” them. I saw one who looked like a big skull. When we walked on I had to think of the dinosaurs and asked myself if they could have lived here. A few minutes later I was told that indeed they were here and that they had found evidence of that.

Little did I know that my expectations of finding a little church in the woods would turn out to be such a huge cosmic temple. My instinct tells me that there must be a connection with the other sun and moon temples on earth.

Also that there was a divine timing on doing our “work” on this spot, as that morning of the 22nd of April it was full moon, even a Wesak full moon. A great cosmic portal in this time of big change.

After having lunch with our guide Giancarlo, we were connected with a different kind of energy, namely the Roman energies in visiting the castle in Ceccano. Also the second world war played a roll here and had taken lots of victims.

From the centre of the little town you can only see an old tower and an entrance gate amongst the Italian houses of to-day. You can hardly imagine that there is this huge castle space behind the houses. There were 2 entrance gates. We entered the one outside the centre. It was a bit of climbing and we found ourselves in a kind of court room. However, during the second world war prisoners were held there and they began to restore the frescos on the walls, one of them Jesus, with eyes open, on the cross. This place asked attention for clearance, which I gladly focused on.

The energies, in one part of the castle were very different than in another part.

I was told by my inner voice to do some clearance work. I had the feeling that that was the reason they brought me here. A complete different energy than in the woods. Layers of stagnant energy waiting to be released.

During our trip I came by “coincidence” in many places, both B and B’s and cathedrals, where I was called to release certain energies.

The most heaviest experience was in the beautiful cathedral of Otranto with the floor mosaic of the universal tree of life. It appeared that in one of the little chapels of this cathedral a stone was held in a reliquary. In 1480 the Turks transformed this church in a mosque and 800 Christians were beheaded as they refused to turn to the Moslim religion. It was not just the stone in the chapel that triggered me, but 7 big glass cupboards along the walls which were filled with the beheaded skulls from the martyrs of that time.

It took me quite a while to recover outside the church from these energies.

I had to connect to nature and mother earth to come out of my unbalanced energy.

I feel that as long as we don’t get caught up in the dramas of that time and also stay out of fear, we get through those heavy dark energies. Transparancy is required.

On a journey like this we discover many interesting things, see the beauty of those old times, feel joy in our hearts of the reconnections but also meet the challenges of the old times, sometimes translated in this time.

I feel a lot of grace to be able to do this “work” and always feel very guided.

2

In our case we were really connected to and guided by St.Michael.

You can also read more about our journey on www.selmasevenhuijsen.nl

Agnes van de Beek

www.moederaarde.

04-selma-adinolfi-e-van-de-beek

PIETRE VIVENTI.

(libera traduzione di Dino Coppola dell’articolo di Agnes van de Beek)

A Ceccano, non lontano da Alatri, a sud-est di Roma, dove Selma, la mia compagna di viaggio, ed io ci fermammo, si trova questa piccola chiesa di Templari. La chiesa è anche conosciuta come “la chiesa della piccola signora del bosco”. Un tempo, nel XIII secolo, si trovava nel bel mezzo di una foresta, fuori dalle mura medievali della cittadina. Ora la chiesa è dedicata a S. Nicola di cui conserva una statua.

L’intento della nostra viaggio era quello di incontrare ad Alatri Giancarlo Pavat, un amico e collega scrittore di Selma. Giancarlo è un profondo conoscitore della Storia ed è anche un ricercatore specializzato in labirinti. Eravamo d’accordo di visitare un affresco molto speciale nella chiesa di San Francesco ad Alatri: il Cristo nel Labirinto. Eravamo state invitate ad operare lì con le energie.

Tuttavia, in questo articolo non mi dilungherò sull’accennata visita. Piuttosto mi soffermerò sulla visita che ebbe luogo il giorno successivo, quando Giancarlo ed altri due amici italiani ci portarono al “santuario della foresta”, ubicato nel bosco fuori dalla città di Ceccano. Mi aspettavo di vedere una chiesetta nella foresta, così come mi era stato fatto intendere.

Fermammo l’automobile e la soggezione ci pervase per ciò che si presentò davanti ai nostri occhi.

Non era una chiesa, ma un piccolo cerchio fatto di enormi pietre, simili a quelle che si trovano ad Avebury e Stonehenge.

Questo era un tempio naturale, forse addirittura del Paleolitico.

Lasciammo l’automobile e ci dirigemmo verso il cerchio di pietre. Di fronte a noi si trovava quella che io chiamo una “pietra chiave”. Normalmente non sento direttamente l’energia, questa volta invece, sì. Fu una bella sensazione e addirittura mi sembrò di poter vedere l’energia di quel luogo. Era come se  avessi la vista tridimensionale in una luce argentea con particelle che si muovevano. La sensazione che ebbi fu quella di accedere ad altre dimensioni.

Sapevo che c’erano punti in cui si intersecavano linee di forza. Selma ed io misurammo sia le energie femminili sia quelle maschili, così come i punti fermi ad energia pari a zero.

Continuammo a camminare nel bosco lungo un sentiero invaso dalla vegetazione. Ad un certo punto ci trovammo davanti ad una parete di massi imponenti, collegati fra loro. Avevo la percezione di qualcosa che opponesse resistenza e decidemmo di utilizzare i nostri piccoli dischi solari e lunari e il mio simbolo del fiore della vita. Erigemmo un piccolo altare, dopo aver chiesto permesso. Pur non essendo una cantante, sapevo che dovevo aggiungere del suono. Così iniziai a cantare un mantra del Tibet, che mi era stato insegnato molto tempo fa e che io utilizzo da anni durante i miei viaggi. Sentii come se ci fosse un passaggio di livello e anche uno dei due amici presenti fu scosso dai brividi.

Continuammo lungo il nostro sentiero selvaggio. Aiutate di tanto in tanto dai nostri accompagnatori, Selma ed io scalammo quegli alti e ripidi massi. I massi erano sempre più coperti dalla vegetazione. Non avevano ancora mostrato la loro faccia e la loro energia. Roberto, che vive a Ceccano e che era con noi, letteralmente ripulì i massi dai muschi e dalla terra e ci disse che lui spesso veniva qui per schiarirsi le idee e per collegarsi con il proprio io immobile.

Poi, un altro masso poco distante si mostrò. Aveva la faccia di un demone. Sentivo di nuovo che qualcosa opponesse resistenza, ma dopo averlo conosciuto e portato in luce, l’energia cambiò. Sempre più facce iniziarono a mostrarsi. Esse sono energie viventi, che attendono di condividere con noi le proprie storie e la loro conoscenza. Esse ci parlano, ma solo quando noi le “vediamo”. Ne vidi uno che assomigliava ad un grande teschio. Proseguendo lungo il percorso, mi venne da pensare ai dinosauri e mi chiesi se in questa zona ve ne fossero stati. Pochi minuti dopo mi venne detto che effettivamente erano state rinvenute tracce della presenza dei dinosauri in questa zona.

Non potevo immaginare che le mie aspettative potessero essere superate a tal punto: non una chiesetta  nel bosco, bensì un imponente tempio cosmico. Il mio istinto mi dice che ci deve essere un collegamento con altri tempi solari e lunari sulla Terra.

Tra l’altro, il nostro “lavoro” in questo luogo ebbe anche un tempismo veramente unico. Infatti, quella mattina del 22 aprile 2016 c’era la luna piena, ma non una qualsiasi, ma una luna piena Wesak. Un grande portale cosmico in questo tempo di grandi cambiamenti.

Dopo aver pranzato con la nostra guida Giancarlo, visitando il castello di Ceccano fummo collegati con un’energia di tipo differente, ossia le energie romane. Anche la Seconda Guerra Mondiale ha avuto un ruolo importante qui, mietendo molte vite umane.

Guardando il castello dal centro della città si vede solo una torre ed una porta d’accesso fra le case moderne. È difficile immaginare che dietro a quelle case ci sia un castello così ampio. Ci sono due accessi. Noi entrammo da quello posto fuori dal centro urbano. Era molto ripido e ci ritrovammo in una sorta di corte interna. Durante la seconda guerra mondiale vi furono tenuti prigionieri di guerra. Poi vennero restaurati gli affreschi sulle mura, uno dei quali rappresenta il Cristo crocefisso con gli occhi aperti. Questo luogo richiese attenzione per liberare la mia mente. Le energie in una parte del castello erano molto differenti da quelle site nell’altra parte della struttura.

La mia voce interna mi disse di procedere con il lavoro di liberazione. Ebbi la sensazione che fosse quello il motivo per cui io fossi lì.

Un’energia completamente differente da quella del bosco. Vi erano strati di energia stagnante in attesa di essere rilasciati. Durante il nostro viaggio “per coincidenza” mi trovai in molti posti, che siano essi B&B oppure cattedrali, dove mi venne chiesto di rilasciare certe energie. L’esperienza più impegnativa fu quella nella cattedrale di Otranto, decorata con un mosaico pavimentale raffigurante l’albero della vita. A quanto pare, era custodita una pietra in un reliquario all’interno di una delle piccole cappelle della cattedrale. Nel 1480 i Turchi trasformarono questa chiesa in una moschea e 800 Cristiani furono decapitati poiché si rifiutarono di convertirsi all’Islam. Non era solo la pietra nella cattedrale a scatenare la mia curiosità, ma le sette vetrine posizionate lungo le pareti, tutte riempite con i teschi dei martiri dell’epoca.

Ebbi bisogno di un bel po’ di tempo per riprendermi da queste energie.

Ebbi necessità di collegarmi alla Natura e alla Madre Terra per ristabilire l’equilibrio di queste energie sbilanciate.

Nel corso di un viaggio di questo genere si scoprono molte cose interessanti, vediamo le bellezze degli antichi tempi, sentiamo la gioia dei ricongiungimenti nei nostri cuori, ma incontriamo anche le sfide dei tempi passati, talvolta trasposte nei nostri giorni.

Sono molto grata per essere capace di compiere questo “lavoro” e mi sento sempre molto guidata. Nel nostro caso, ci siamo sentite in collegamento con San Michele, che ci ha guidate.

Se volete, potete leggere di più riguardo al nostro viaggio, visitando il sito www.selmasevenhuijsen.nl.

Agnes van de Beek

www.moederaarde.

img_1288

 

 

 

 

Condividi il nostro articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *